Coronavirus, Viminale: «Sì a camminate genitori figli». Ira delle Regioni: «Follia»

Coronavirus, una nuova nuova circolare inviata dal Viminale ai prefetti fa «chiarimenti» sui divieti di assembramento e spostamenti come anticipato oggi dal Messaggero. «È da intendersi consentito, ad un solo genitore, camminare con i propri figli minori in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all'aperto, purché in prossimità della propria abitazione». E «l'attività motoria generalmente consentita», precisa il testo, «non va intesa come equivalente all'attività sportiva (jogging)». Possibile invece camminare «in prossimità della propria abitazione». 

LEGGI ANCHE Puglia, nuovo calo nei contagi. Salgono i decessi. 39 i guariti Muore una 40enne: aveva appena subito un trapianto

Sì all'accompagnamento di disabili e anziani. «Potranno essere altresì consentiti spostamenti nei pressi della propria abitazione giustificati da esigenze di accompagnamento di anziani o inabili da parte di persone che ne curano l'assistenza, in ragione della riconducibilità dei medesimi spostamenti a motivazione di necessità o salute». È quanto si legge in una circolare, firmata dal capo di Gabinetto Matteo Piantedosi, che il Viminale ha inviato ai prefetti per chiarire «profili applicativi in tema di divieto di assembramento o di spostamenti di persone fisiche».

Tra le attività motorie ammesse resta quella di fare jogging. Lo afferma il Viminale precisando la circolare firmata da Matteo Piantedosi, capo di Gabinetto del ministro dell'Interno ed inviata oggi a tutti i prefetti per fornire «chiarimenti» sul divieto di assembramenti e spostamenti. Nella circolare è scritto che «l'attività motoria generalmente consentita non va intesa come equivalente all'attività sportiva (jogging)».

Lamorgese: «Credo che quest'estate potremo andare in vacanza». «Mi sembra che la situazione sia abbastanza stabile rispetto ai giorni scorsi, ciò ci fa bene sperare per i prossimi giorni». Così il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese intervenendo a diMartedì su La7 sull'emergenza Coronavirus. «Noi seguiamo con molta attenzione la situazione, io parlo giornalmente coi prefetti, con i sindaci, i presidenti di regione, e cerchiamo di avere una situazione sotto controllo - aggiunge -. Spero che le iniziative che sono state poste in essere impediranno una diffusione massiva al sud, lo vedremo nei prossimi giorni ma di accorgimenti ne sono stati presi tanti, sia dal governo che dai presidenti di regioni. Credo che quest'estate potremo andare in vacanza».

«Dal 10 al 20 marzo 3 milioni di controlli, ma meno sanzioni». «Non dobbiamo pensare che tutto finirà, ci vuole un po' di tempo, occorre avere molta cautela, andiamo incontro a Pasqua e si deve capire che questo è il momento più delicato, in cui porre ancora più attenzione ai propri comportamenti». Così il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese intervenendo a diMartedì su La7 sull'emergenza Coronavirus. Il ministro ricorda che «bisogna uscire di casa solo per necessità, per andare a lavoro, o per motivi di salute. Ma proprio oggi - aggiunge - abbiamo fatto una circolare per dire che il genitore può uscire col figlio sotto casa, quando parliamo di attività motoria è anche quella, per consentire ai bimbi di prendere un po d'aria». «I controlli ci sono - sottolinea Lamorgese - dal 10 al 20 marzo sono stati circa 3 milioni di controlli ma le sanzioni sono diminuite perché sono state circa 22mila in dieci giorni rispetto alle 116mila del primo periodo».


 

Camminata, esercitare il diritto al sole

«Esercitare il diritto al sole e alla primavera». Così Roberto Bernabei del Comitato tecnico scientifico (Cts) in conferenza stampa alla Protezione civile, rispondendo a una domanda, ha definito la nuova indicazione del ministero degli Interni che consente a un solo genitore di passeggiare con i figli, purché vicino casa.
 

Leggi l'articolo completo
su Quotidiano Di Puglia
Il virus resiste 7 giorni sulle mascherine e uno sui vestiti: il nuovo documento del Ministero
Test sierologici del ministero: ecco i 24 comuni nei quali verranno effettuati - L'ELENCO
Test rapidi e a pagamento: già dieci casi di positivi asintomatici. La Asl avvisa: «Così è rischio caos»
Una milanese ospite nel primo lido riaperto: «È stata dura ora finalmente al mare dopo la quarantena»
La crisi strangola la sua attività: «Il Governo ci ha lasciati soli, inizio lo sciopero della fame»