Giovane fenicottero in vacanza nel Salento Gli esperti: «Non avvicinatelo»

Se durante le vostre vacanze in località marittime osservate degli uccelli insoliti o rari come gabbiani, aironi, fenicotteri o altri trampolieri e uccelli marini, non precipitatevi ad andar loro incontro, anche solo per fotografarli e, solo in caso di visibile stato di difficoltà dell'animale, chiamate la Capitaneria di Porto, i Carabinieri Forestali o il Centro Recupero Fauna Selvatica di Calimera. È molto probabile che questi animali si stiano solo riposando da un lungo viaggio e siano stremati; importunarli sarebbe un inutile stress per loro e significherebbe metterli ulteriormente in difficoltà.

È questo il caso del giovane fenicottero che in questi giorni sta transitando, tra gli sguardi di centinaia di curiosi, sul versante jonico salentino, nelle marine di Ugento-Taviano-Racale; a seguito di numerose segnalazioni, lo stato di salute dell'animale è stato attentamente valutato dal naturalista Roberto Gennaio e dai Carabinieri Forestali del Comando di Gallipoli, in costante contatto con i responsabili del CRFS i Calimera, che ne stanno monitorando anche gli spostamenti. Nessun problema per il "migrante alato", a condizione che venga lasciato tranquillo.

Leggi l'articolo completo su Quotidianodipuglia.it
Outbrain