Morto il maestro Segalini, diresse il Valle D'Itria per 16 anni

Il Festival della Valle d’Itria ricorda con grande riconoscenza e immensa stima Sergio Segalini, critico musicale e organizzatore scomparso lunedì all’età di 73 anni. Dal 1994 al 2010 Segalini ha ricoperto il ruolo di Direttore artistico del Festival sviluppando ulteriormente, durante il suo incarico, la dimensione internazionale delle scelte di repertorio. Fra le opere maggiormente rappresentative della sua direzione rientrano la Medée di Cherubini nella versione originale francese con i dialoghi parlati, capolavori come Robert le diable di Meyerbeer, La Grande-Duchesse de Gérolstein di Offenbach, fino alla versione francese di Salomé di Richard Strauss.
«L’arrivo di Segalini alla direzione artistica – ricorda il Presidente Franco Punzi – è stata una scelta condivisa con il suo predecessore Rodolfo Celletti. La strada tracciata da Segalini e la sua figura fanno parte dell’identità e della storia del Festival: un direttore artistico onesto sia nel lavoro che nelle proposte, mai inquinate da influenze esterne».
Contemporaneamente all'esperienza pugliese, Segalini fu una figura cardine anche per La Fenice, ricoprendo il ruolo di direttore artistico del Teatro veneziano dal 2003 al 2006.

Leggi l'articolo completo su Quotidianodipuglia.it
Outbrain