Salva dei cani abbandonati in una scatola, poi la scoperta choc: erano sciacalli

Abbandonare gli animali dentro una scatola è un gesto deprecabile ma purtroppo frequente. Fortunatemente esistono persone di cuore che se ne prendono cura e mettono in salvo i nostri piccoli amici. Ed è quello che ha fatto una donna di nome Marina che credeva di aver salvato dei tenerissimi cuccioli pastore belga, abbandonati in un campo e trovati dentro una scatola. La donna ha poi condiviso sui social la foto per trovare loro casa, ma gli utenti hanno fatto delle annotazioni che l'hanno fatta insospettire.

Ora legale addio? UE verso l'abolizione, Juncker: «la gente vuole farlo e lo faremo»​
Terremoto in Grecia, scossa 5.1 a Nord di Atene​


E' accaduto circa quattro mesi fa in Croazia, una volontaria che ha trovato i cuccioli, Marina, ha aggiornato come di consueto i follower del rifugio "Faun Kutina" sui progressi dei piccoli ospiti, ma continuavano a farle notare che in realtà non agivano come cani, ma sembravano più simili agli animali selvatici, per questo motivo Marina ha portato i piccoletti ad un'organizzazione locale impegnata nella protezione degli animali selvatici, che ha confermato che si trattava di cuccioli di sciacallo. Purtroppo però essendo stati troppo a contatto con gli esseri umani i cuccioli non sono stati liberati e dopo un lungo dibattito Marina è diventata la prima persona in Croazia ad ottenere il permesso di avere degli sciacalli come animali domestici. 
Marina ha detto che i cuccioli non sono per niente pericolosi, a differenza di quanto si possa pensare, e che non solo amano essere accarezzati e giocare, ma che addirittura rispondono quando li chiama con i loro nomi. 

Leggi l'articolo completo su Quotidianodipuglia.it
Outbrain