Melucci, altre deleghe per i consiglieri

Melucci, altre deleghe per i consiglieri
Tassello dopo tassello si compone il quadro della squadra che il sindaco Rinaldo Melucci sta mettendo a punto per il governo della città. È adesso arrivato il momento dell’assegnazione di alcune deleghe extra giunta, finalizzate a dare maggiore slancio e snellezza all’operato dell’Amministrazione comunale. Il consigliere del Partito democratico Michele De Martino, come anticipato ieri da Quotidiano, dovrebbe ricevere la delega alla Polizia municipale oppure quella all’Istruzione. A manifestare l’intenzione di non disperdere le risorse possedute dall’esponente del Pd è stato lo stesso primo cittadino durante il suo intervento in aula di mercoledì scorso. «L’Amministrazione» ha detto «troverà certamente il modo per valorizzare le sue competenze e la sua esperienza». De Martino si è fatto apprezzare, in particolare, anche dai colleghi di opposizione, per il lavoro condotto nel governo Stefàno alla guida della commissione Affari generali, passata adesso alla giovane consigliera Federica Simili, anche lei del Partito democratico. Una scelta, questa, che probabilmente ha lasciato l’amaro in bocca al consigliere, tanto da spingerlo, durante l’ultima seduta di consiglio, ad affermare che da parte del Pd «c’è stata una sottovalutazione delle competenze e dell’esperienza per rispondere a logiche politiche». Considerato il fatto che il sindaco ha messo tra i punti fondamentali del suo programma il rafforzamento della blu economy, molto probabilmente tra le deleghe da assegnare ci potrebbe essere anche quella alla valorizzazione della risorsa mare. Il sindaco potrebbe, invece, trattenere a sé le deleghe al bilancio, all’avvocatura e all’ufficio relazioni con il pubblico. Nei giorni scorsi, in una nota inviata da Palazzo di Città, è stata comunicata l’intenzione di rafforzare questa realtà.
 
«Il Comune» si evidenziava «ad oggi non è dotato di una vera e propria struttura, fisica e virtuale, dedicata all’efficienza e alla modernizzazione amministrativa, all’informazione e alla cura del rapporto istituzioni-cittadini». In diversi luoghi della città saranno, pertanto, creati uffici dedicati alle relazioni con il pubblico, cui i cittadini potranno rivolgersi per una serie di servizi. Al sindaco resta, infine, ancora da individuare la figura maggiormente indicata a rivestire il ruolo di assessore ai Servizi sociali. Un settore delicato, soprattutto per le criticità presenti nella città. Potrebbero, pertanto, essere decisive nella scelta del futuro amministratore le competenze possedute dai possibili candidati. L’assessorato, nel rispetto delle quote rosa, dovrebbe essere assegnato ad una donna. Intanto, ieri pomeriggio è tornata a riunirsi la giunta. Tra i punti all’ordine del giorno riveste particolare importanza quello relativo all’atto di indirizzo per l’adeguamento e l’innovazione tecnologica della struttura burocratica comunale. Scelte importanti, finalizzate a modernizzare la macchina amministrativa, rendendola capace di rispondere alle numerose sfide che attendono la città.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 11 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:24