Canto per un uomo giusto, dal Salento una ballata per Falcone

Canto per un uomo giusto, dal Salento una ballata per Falcone
«Canto di un uomo caduto per un ideale, canto la fede tradita derisa stracciata delusa contro una mafia nascosta nella società. L'hanno lasciato da solo, l'hanno lasciato morire pensando che con lui si nasconde di meno la mafia e l'inganno, ma le sue idee non moriranno». Canta così in un passaggio, tradotto dal dialetto salentino, il brano inedito “Canto per un uomo giusto” che il gruppo Kalàscima ha scritto per il magistrato Giovanni Falcone, e che sarà disponibile gratuitamente sul sito web www.kalascima.it da martedì 23 maggio, a 25 anni esatti dalla strage di Capaci. La ballata, spiega il fondatore e percussionista della band salentina, Riccardo Laganà, «è il nostro omaggio alla figura di un uomo che continua ogni giorno a farci capire che si può restare con la schiena dritta, ed il suo sacrificio ci spinge ad essere come lui. Ogni giorno - prosegue - dobbiamo ricordare uomini come Falcone perché è grazie a loro che la possibilità di un futuro migliore diventa realizzabile». I Kalashima sono tra le realtà più interessanti del panorama musicale salentino: dagli esordi sul palco della Taranta il gruppo si è ritagliato uno spazio sempre più riconoscibile nel panorama della nuova musica popolare.
   
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 20 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 18:42