Moro, la Puglia celebra i cento anni dalla nascita

Aldo Moro, lo statista ucciso dalle Br
La Puglia celebra i cento anni dalla nascita di Aldo Moro. Numerose le cerimonie previste per il prossimo 23 settembre, in particolare a Maglie, paese natale dello politico ucciso dalle Brigate Rosse. Una giornata per riannodare i fili della memoria, ripercorrere le tracce dell’uomo e dello statista, coinvolgere le nuove generazioni in una riflessione pubblica. La giornata di domani si aprirà alle ore 9.30, in largo Caduti di via Fani alla presenza del consiglio comunale e delle autorità cittadine che renderanno omaggio al monumento ad Aldo Moro accompagnate dall’orchestra del Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci” di Maglie. Saranno poi gli studenti dell’ultimo anno degli istituti d’istruzione superiore a intervenire sull’attualità del pensiero del politico magliese. La riflessione di Antonio Felice Uricchio, rettore dell’Università degli Studi di Bari racconterà “Moro e la sua Università”, mentre le conclusioni saranno curate dall’onorevole Angela D’Onghia, sottosegretario di Stato all’istruzione e alla ricerca.

Alle 12.30 La Pattuglia Acrobatica Nazionale dell’Aeronautica Militare sorvolerà il cielo della città. Nel pomeriggio, a partire dalle 17.30 nell’atrio del Liceo “Capece” si svolgerà il convegno su “Il contributo di Aldo Moro alla Costituzione e agli studi giuridici” con l’introduzione e le conclusioni del senatore Giorgio de Giuseppe. Quattro le lezioni magistrali: comincerà il professore Francesco D’Agostino, presidente giuristi cattolici, su “Moro e la teoria del diritto”. A seguire le letture di tre presidenti emeriti della Corte Costituzionale: Giovanni Maria Flick su “Il percorso di Moro nel diritto penale dalla legge alla persona”, Ugo De Siervo, su “La Costituzione rigidamente democratica ed ordinamento sociale” e Francesco Casavola, su “La vita oltre la politica: il Moro degli ultimi giorni”. Interverranno il sindaco di Maglie, Ernesto Toma, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce. In serata il concerto della fanfara del Comando Scuole A.M. – 3a Regione Aerea. A chiudere la giornata sarà Carlo Lucarelli, scrittore, regista, sceneggiatore, impegnato a raccontare Aldo Moro alle generazioni più giovani. Con lui sul palco a dare voce agli accenti sofferti delle lettere dalla prigionia, Roberto Herlitzka, che è stato interprete del caso Moro nel film di Marco Bellocchio "Buongiorno notte" nell’atrio del Liceo “Capece”.

Questa mattina, invece nell'aula del Consiglio regionale della Puglia, si svolgerà l’assise in seduta straordinaria. Alla cerimonia, che sarà avviata dal presidente del Consiglio, Mario Loizzo, interverranno l'onorevole Giuseppe Vacca e il direttore della Gazzetta del Mezzogiorno, Giuseppe De Tomaso. Seguiranno gli interventi dei capigruppo consiliari e del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. A Bari, domani ci sarà una messa celebrata alle 18.30 dal priore padre Ciro Capotosto in suffragio di Moro e della sua scorta. Alle 20, sempre nella Basilica, si terrà un concerto eseguito dall'Orchestra dell'Area Metropolitana di Bari. Il concerto sarà arricchito dalla voce del mezzosoprano Anastasia Abryutina. L'attore barese Lino De Venuto leggerà scritti, aneddoti, lettere scritte da Moro durante la prigionia. Prima del concerto l'onorevole Gerardo Bianco parlerà brevemente sul tema “Aldo Moro nella storia”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 22 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 09:00