Porto Cesareo, sigilli allo stabilimento: si trova in area demaniale

Porto Cesareo, sigilli allo stabilimento: si trova in area demaniale
Non c'è pace per la costa cesarina dove nella tarda serata di ieri si sono concluse le operazioni di sequestro da parte della Guardia Costiera di Gallipoli di uno stabilimento balneare sorto a Torre Castiglione, nella marina di Porto cesareo, su un'area di 2mila metri quadrati.
Le ipotesi di reato, formulate dall'autorità giudiziaria, riguardano oltre all'occupazione abusiva di demanio anche la realizzazione di strutture in zone vincolate e senza i permessi di costruire.

Le indagini sono comuniciate lo scorso agosto, durante un ordinario controllo di polizia sulla costa jonica salentina presa d'assalto dai turisti. Dalla documentazione sarebbero emerse anomalie riguardanti gli atti concessori in possesso dei titolari della struttura, che hanno insospettito i militari: alla fine dell'indagine, ricostruendo lo storico delle concessione, sarebbe infatti emerso che lo stabilimente ricade in una particella indicata come privata seppur facente parte dell'area demaniale-
Ora gli inquirenti che hanno apposto i sigilli alla struttura e denunciato il titolare, stanno anche cercando di verificare se sul caso vi siano state irregolarità da parte degli enti preposti a rilaciare le concessioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 30 Novembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 11:56