Sigilli ad attrezzature balneari e a un'area di 700 metri quadrati nel Lido Canne di Torre Lapillo.
La guardia costiera, i carabinieri della stazione di Porto Cesareo e la polizia locale, dopo un sopralluogo che si è concluso ieri sera e in cui sono state riscontrarte numerose irregolarità tra cui il deturpamento di porzioni di cordone delle dune con ombrelloni e lettini, hanno proceduto questa mattina al sequestro di circa cento attrezzature balneari e un’area la cui estensione, ricadente sia sul demanio marittimo, sia in proprietà privata, ammonta a oltre 700 metri quadrati.
Ulteriori verifiche presso gli uffici comunali, hanno permesso di appurare anche l'inesistenza del titolo amministrativo per poter esercitare quell’attività commerciale.
Fra le sanzioni, quindi, anche quella per occupazione abusiva dell’arenile, che ricade in area demaniale marittima e in zona Sic (sitodi interesse comunitario).
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 17 Giugno 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:35