Sorpresa, nel vicolo c'è una tomba cinquecentesca
«E' la terza scoperta nella medesima strada»

Una sepoltura del 1500, con all’interno uno scheletro umano perfettamente conservato. La sorpresa è arrivata in mattinata durante un normale scavo d’urgenza richiesto dal Comune alla Soprintendenza dei Beni Archeologici presso il cantiere per rifacimento del basolato in un vicolo leccese, nel cuore del centro storico barocco. Il nome della stradina, a un passo da via D’Aragona e piazzetta Santa Chiara, è già tutto un programma: vico Dietro Lo Spedale dei Pellegrini. La toponomastica infatti non mente, visto che il vicolo si trova alle spalle della chiesa Trinità dei Pellegrini, chiesetta ortodossa costruita nel XVI secolo che in quelle stradine svolse per lungo tempo le sue attività di assistenza.
Non sorprende quindi che dallo scavo, eseguito da due giovani archeologhe inviata dalla Soprintendenza, per l’esattezza dalla dottoressa Daniela Tanzella, ispettrice per l'archeologia a Lecce, sia emerso qualcosa di interessante. La tomba risale infatti alla stessa epoca, anche stando alla tipologia della cassa sepolcrale e non è la prima rinvenuta nella zona, anzi: si tratta della terza solo in quel vicolo, che quasi certamente fa parte dell’area di sepoltura dell’antico ospedaletto. Ieri la sepoltura è emersa quasi per caso e ha da subito raccolto attorno alle due archeologhe un capannello di curiosi e turisti, interessati alla insolita scoperta e che hanno avuto la possibilità di assistere alla sua brevissima esposizione. La tomba infatti, è stata immediatamente ricoperta al netto della raccolta dei reperti - come ha spiegato una delle due archeologhe, Barbara Vetrugno -, nonostante la sorpresa infatti, una sepoltura di età moderna nel centro storico di Lecce è tutt’altro che una novità.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 22 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 23-09-2016 13:01