Nei guai commercialista di Gallipoli
il giudice blocca 100 decreti ingiuntivi

Nei guai commercialista di Gallipoli
il giudice blocca 100 decreti ingiuntivi
Sospesi i 100 decreti ingiuntivi di pagamento per un totale di quasi mezzo milione di euro, chiesti da un professionista ad uno stretto giro di clienti e di parenti e ricorrendo così alla parcellizzazione del credito per ragioni diventate oggetto di una inchiesta della Procura. Il nuovo giudice di pace di Casarano, l’avvocato Franco Giustizieri, ha accolto le istanze arrivate dai difensori dei titolari o soci di imprese e di società, di sospendere i provvedimenti in attesa del giudizio di merito: fondato il “fumus ed il periculum in mora”, ha stabilito il giudice.

E nell’inchiesta penale che vede indagato un commercialista di Gallipoli per truffa aggravata e continuata, nonché per emissione di fatture false, è confluito un altro esposto: nei giorni scorsi gli avvocati Carmine Perrone e Lucio Stocchetti hanno depositato al pubblico ministero Francesca Miglietta una querela per conto di un parente del commercialista. Chiedono di prendere in considerazione la possibilità di indagare per falso in induzione, alla luce di quanto aveva deciso il giudice di pace di Casarano l’estate scorsa prima di lasciare l’incarico: aveva accolto tutte le richieste del professionista di emettere i 100 decreti ingiuntivi per somme vicine alla soglia di 5.000 euro, oltre la quale la competenza sarebbe diventata del Tribunale di Lecce.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
PROVA GRATIS
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 16 Ottobre 2016 - Ultimo aggiornamento: 08:27