Palazzo ex Enel: a Natale i primi 200 posti auto

Il parcheggio ex Enel
«Contiamo di aprire un piano del parcheggio per le prossime festività natalizie». Ad annunciarlo è Francesco Natale, docente e consulente della Fervida Costruzioni, l’impresa proprietaria dell’ex Enel su viale De Pietro: 700 posti auto a due passi dal centro storico, vicini al tribunale e agli uffici di Provincia e prefettura, che potrebbero imprimere una svolta alle politiche della mobilità cittadina e contribuire a risolvere l’ormai cronico problema dei parcheggi.
«Siamo in trattativa con un’azienda che si occupa proprio della sosta e che è intenzionata - spiega Natale - ad acquistare tre multipiano, due su Bari e uno su Lecce. E vorremmo riuscire ad aprire e rendere fruibile un piano, per totali 200 posti, per il periodo natalizio».

Un obiettivo, questo, motivato anche dalle 150 richieste di affitto di un posto auto già arrivate all’agenzia immobiliare che si sta occupando di cercare potenziali acquirenti e clienti dell’ex Enel: il prezzo d’acquisto del diritto di superficie dell’area di sosta, invece, è stato fissato a 25mila euro per 99 anni.
Gli striscioni comparsi alla fine dell’anno scorso lungo il perimetro del multipiano con l’annuncio della messa in vendita sono però scomparsi, anche perché la trattativa per la vendita alla Esten srl del gruppo Cincotti Spa, leader del cellophane in Italia e nel mondo, «è congelata» dice ancora Natale. Quella trattativa, avviata lo scorso autunno, riguardava la vendita del multipiano per una cifra inferiore ai dieci milioni di euro all’imprenditore di Battipaglia Davide Cincotti, a capo di un impero che fattura, ogni anno, circa 160 miliardi di euro. L’accordo preliminare fra la Esten srl, società del gruppo Cincotti Spa, e la Fervida Costruzioni di Fernando Caiaffa è stato firmato l’8 settembre 2015, ma a quell’accordo non è mai seguita la firma del contratto definitivo. Per motivi che, ancora oggi, restano riservati.
Ora si attende l’esito del confronto aperto invece dalla Fervida Costruzioni con un’altra impresa, di caratura nazionale e operativa esclusivamente nel comparto parcheggi. Dopo anni d’attesa, il 2016 potrebbe quindi essere l’anno buono per veder aprire almeno una parte dell’ex Enel, anche se - va detto - fino a oggi tutte le indiscrezioni trapelate e gli annunci fatti sono stati disattesi. Dall’apertura al pubblico dell’ex Enel, dipende però, insieme al futuro parcheggio da realizzare in piazza Tito Schipa, l’attuazione del Piano traffico del Comune capoluogo, con la chiusura e la pavimentazione di viale XXV Luglio, l’eliminazione dei parcheggi a raso e l’inversione del senso di marcia su via Cavallotti.
L’edificio su viale De Pietro, oltre a 700 posti auto (500 dei quali verranno utilizzati per la sosta a rotazione, pagando una tariffa oraria), ospiterà anche negozi e uffici e uno degli spazi al piano terra, infatti, ospita già la Banca Sella.
Natale riferisce anche che ci sono stati diversi incontri con il sindaco Paolo Perrone che, sul punto, resta però prudente. «Sono stato avvicinato da alcuni imprenditori - spiega il primo cittadino - interessati da questa iniziativa e non posso che augurarmi che vada tutto per il meglio». Di più, Perrone non dice, anche perché per aprire anche solo un piano dell’ex Enel sarà necessario completare i lavori agli impianti, a quanto pare non ancora ultimati.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 23 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 12:32