Riviera delle palme in lacrime
per l'addio all'imprenditore Ferri

Riviera in lacrime
per l'addio a Ferri
SAN BENEDETTO - Una vera e propria folla ha salutato, per l'ultima volta, Demetrio Ferri, l'imprenditore morto in Russia pochi giorni fa in seguito ad un improvviso malore che lo ha colto al termine di un pranzo.



Ai funerali, che si sono celebrati nella chiesa di Cristo Re, c'erano centinaia di persone. A ricordarlo, di fronte alla moglie Samuela Isopi, ambasciatrice in Camerun e ai genitori, il parroco don Pio Costanzo: "Demetrio portava la cultura della nostra terra in giro per il mondo. In una sua poesia aveva scritto che a Porto d'Ascoli era nato e a Porto d'Ascoli voleva morire. Non è morto qui, ma qui oggi lo abbiamo tutti nel cuore e da Porto d'Ascoli gli diciamo il nostro grazie". Don Pio lo ha ricordato con la voce strozzata dalla commozione: "Da cinquant'anni conosco la sua famiglia e conosco lui. Quando scrisse il libro sul dialetto di Porto d'Ascoli - ha affermato il sacerdote - mi ha regalato una delle copie della prima stampa ed ho apprezzato la grande fantasia e il notevole spirito che lo ha spinto a intraprendere un'iniziativa del genere". Il parroco lo ha ricordato come una persona "estremamente attiva, sempre in movimento e sempre piena di iniziative da fare e da proporre".
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 8 Febbraio 2015, 19:08 - Ultimo aggiornamento: 19:25