Giunti a Taranto altri 1027 migranti: ci sono 252 minori e 12 donne in stato di gravidanza
TARANTO - È giunta nel porto di Taranto la nave San Giorgio della Marina militare con a bordo 1027 migranti salvati nei giorni scorsi nell'ambito dell'operazione 'Mare Nostrum'.

Completato lo sbarco di 769 uomini, 117 donne e 141 minori di cui 2 neonati. Una decina di scafisti sono stati fatti salire su un bus per essere accompagnati verso altra destinazione. E sempre con i pullman circa 300 migranti stanno partendo verso Bari e altre località pugliesi. Il resto del gruppo verrà ospitato temporaneamente in strutture messe a disposizione dal Comune di Taranto e dalla Caritas.

Uno dei migranti, appena sbarcato, si è chinato e ha baciato tre volte per terra prima di farsi il segno della croce. I volontari dell'Abfo (Associazione benefica Fulvio Occhinegro) hanno rivolto un appello ai tarantini chiedendo biberon, latte, biscotti, prodotti per l'igiene, condimenti per pasta (sugo, tonno, legumi) e vestiti da donare ai profughi. Ieri a Taranto erano sbarcati altri 1300 migranti da nave Etna. Alcune centinaia hanno già lasciato Taranto per dirigersi verso località del nord Italia con l'impiego di treni e bus.



Tra i 1.026 migranti sbarcati nel pomeriggio a Taranto dalla nave San Giorgio della Marina militare italiana ci sono ben 252 minori, un centinaio dei quali non accompagnati e 12 donne incinte. Lo rende noto la Croce Rossa Italiana, che ha predisposto un posto medico avanzato e due gazebo (per le attività di supporto ai bambini) ed è impegnata con circa 100 volontari sul posto. I bambini più piccoli hanno tra i 4 e i 5 mesi di vita. Per un ragazzo si è reso necessario il trasferimento in ospedale.

In collaborazione con il field officer di Praesidium, la Cri garantisce l'assistenza sanitaria e la prima accoglienza con un'attenzione particolare rivolta alle persone in condizioni di vulnerabilità; nella giornata di oggi, l'organizzazione ha assistito 1.238 migranti giunti a Palermo (529), Catania (500), Pozzallo (209). In Sicilia la Croce Rossa è operativa con oltre cento volontari impegnati nelle diverse località interessate dagli sbarchi e provvede inoltre all'allestimento sui moli di tende pneumatiche destinate alla prima accoglienza al momento dell'arrivo e in caso di necessità a presidi attendati per eventuali controlli sanitari.
Martedì 10 Giugno 2014 alle 09:02