La festa per il bicentenario dell'Arma
Tutti i carabinieri premiati
BRINDISI - I carabinieri festeggiano il 200° anniversario della fondazione dell'Arma e presso il comando provinciale si è svolta una cerimonia nel corso della quale sono stati premiati venti militari.

Il comandante provinciale dei carabinieri di Brindisi, il colonnello Andrea Paris ha illustrato i risultati dell'attività di un anno di indagini e operazioni sul campo. Sono 695 le persone arrestate, 492 quelle catturate in flagranza, 252 gli arresti per droga, 249 le denunce per furto e 100 quelle per ricettazione.

Nel corso della celebrazione sono stati premiati 20 militari in forza al Comando dei carabinieri, che si sono distinti per meriti speciali in operazioni di servizio di particolare pregio.



Encomio semplice al brigadiere Donato Chirulli, che il 19 marzo del 2012 ha soccorso un cittadino extracomunitario che, nel tentativo di togliersi la vita, si era impiccato alla recinzione metallica del centro di identificazione ed esplulsione di Restinco, dove era ospitato, riuscendo a salvarlo.

Encomio semplice al capitano Gianluca Sirsi, a capo della compagnia dei carabinieri di Fasano, per un’operazione seguita a Vieste tra il 2009 ed il 2010. L’operazione si è conclusa con l’arresto complessivo di 16 persone ed il sequestro di beni per un valore di oltre 20 milioni di euro.

Premiati anche gli appuntati scelti Crocefisso Rampino e Giuseppe Massimo Coriolano: «Con ferma determinazione e alto senso del dovere, liberi dal servizio, non hanno esitato a bloccare e arrestare un uomo sorpreso mentre era in procinto si scagliare una bottiglia incendiaria contro la porta di un’abitazione». Il loro lavoro, tra l’altro, ha consentito di trovare e sequestrare altri ordigni esplosivi.

Riconoscimento per il tenente Fausto Mazzotta, per un’indagine seguita tra Basilicata, Campania e Umbria nei confronti di un sodalizio dedito allo spaccio di droga. Encomio semplice per il maresciallo Marco Guardo, il brigadiere in congedo Antonio Destino e l’appuntato scelto Francesco Cinque per un’indagine su un sodalizio criminale sgominato nel corso di un’operazione conclusasi con l’esecuzione di 19 provvedimenti restrittivi ed il sequestro di un notevole quantitativo di droga.

Encomio semplice anche per i marescialli Alfredo Martinelli, Antonio Calò, per i brigadieri Alessandro Ammassari e Antonio Capone e per l’appuntato Giovanni Donno, per un’indagine svolta tra Brindisi e Brescia, nei confronti di un sodalizio criminale dedito al traffico di droga, che si è conclusa con l’arresto di 17 persone. Encomio semplice per il maresciallo Francesco Gullo e per il maresciallo capo Domenico Ancona per un’operazione antidroga conclusasi con dieci arresti.

Premiato il maresciallo Angelo Carbone, per un’indagine seguita sul territorio di San Severo, in provincia di Foggia. Elogio scritto per il tenente Alberto Cavenaghi, il luogotenente Cosimo Scazzi, il maresciallo Damiano Pascali e l’appuntato scelto Mino Nisi per un’indagine seguita tra Brindisi e Falconara Marittima, in provincia di Ancona, che ha consentito, in tempi record, l’arresto di due rapinatori.
Lunedì 09 Giugno 2014 alle 13:20