La Bardot l'adorava. La maison Repetto
crea la sua prima collezione prêt à porter

PARIGI - La maison Repetto, celebre per le creazioni dedicate al mondo della danza, ha presentato la sua prima collezione prêt à porter. A disegnarla la talentuosa Emilie Luc-Duc, che ha debuttato con Anne-Valérie Hash e dato nuovo slancio a Rodier. Il risultato, dal 5 dicembre nelle boutique, è l'immagine stessa della casa: 19 capi in serie limitata ispirati al ballo. Il marchio, noto per le ballerine Cendrillon amate da Brigitte Bardot, per le scarpe bianche stringate indossate da Serge Gainsbourg ma soprattutto per le scarpette da ballo e i costumi di scena di étoiles come Béjart, Nureyev, Baryshnikov e Carolyn Carlson, ha già collaborato in passato con designer come Issey Miyake, Yohji Yamamoto, Comme des Garçons e Karl Lagerfeld e ora si lancia nell'avventura del prêt à porter. I pezzi della collezione sono senza tempo e di grande femminilità, semplici ma anche molto romantici. I colori sono delicati, bianco, avorio, grigio, rosso pastello fino a un elegante e classico nero, i tessuti leggeri come seta, jersey e taffeta, i tagli delle maglie richiamano i corsetti e le gonne i tutù tanto amati dalla bambina che è in noi. «Lo stile mantiene l'ispirazione del brand, ossia la danza - ha spiegato il presidente-direttore generale Jean-Marc Gaucher - e sarà prestata molta attenzione ai materiali e ai colori, non ci saranno stampe ad esempio. La produzione sarà localizzata tra Francia e Italia e i prezzi spazieranno dai 250 ai 350 euro».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 30 Novembre 2012 - Ultimo aggiornamento: 02-12-2012 19:19