Neonato morto in ospedale: indaga la Procura

L'ospedale Perrino di Brindisi
Quello che doveva essere un lieto evento si è trasformato in una vera tragedia. Nove mesi di attesa, la pancia che cresce, la corsa in ospedale dopo la rottura delle acque.
Una routine per una coppia in attesa della cicogna. Invece a poche ore dal parto una famiglia, originaria di Oria, è stata avvisata che il loro bambino era morto.
La Procura della Repubblica di Brindisi ha avviato un’inchiesta per accertare eventuali responsabilità nella morte di un neonato, deceduto nell’ospedale Perrino lo scorso martedì. Per la coppia di genitori quello in arrivo non era il primo ma l’ultimo di quattro figli. Nonostante la giovane età, la donna aveva deciso di portare avanti la gravidanza. La mole di impegni e la responsabilità di crescere quattro bambini si affrontano con il sorriso quando sai che sta per venire alla luce un pargolo che ti riempirà di gioia.
La donna, residente a Oria, improvvisamente però ha notato che qualcosa non stava andando per il verso giusto.
La sera di lunedì, ha avuto una perdita di sangue che ha subito allarmato tutta la famiglia. Informato il marito dell’accaduto, la donna ha deciso poco dopo di correre in ospedale per farsi visitare.
Una volta giunta al pronto soccorso del Perrino, come da prassi, la gestante è stata subito trasferita nel reparto di ginecologia e ostetricia. Il personale medico, dopo averla visitata, ha subito capito che la donna era prossima al parto. Accompagnata d’urgenza in sala operatoria la donna ha partorito nel giro di pochi minuti per vie vaginali.

Il neonato è stato sottoposto a tutti gli esami di routine e la famiglia ha ricevuto rassicurazioni da parte del personale medico sul fatto che la situazione era grave ma sotto controllo. Improvvisamente però nella tarda mattina qualcosa non è andato per il verso giusto. I medici hanno informato la coppia del decesso del neonato. Una notizia che ha gettato nella disperazione anche l’equipe di terapia intensiva neonatale del Perrino, medici abituati a fare i conti con le situazioni più disperate.
La famiglia ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri per capire a cosa sia dovuta la morte del loro piccolo. Accompagnato da un legate di fiducia il papà del neonato si è recato in caserma per regolarizzare la querela. Del caso è stato subito informato il pm di turno, Simona Rizzo, che nelle prossime ore potrebbe disporre l’autopsia sulla salma del bimbo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 21 Settembre 2016 - Ultimo aggiornamento: 22-09-2016 09:15