Scontro in aula sul bilancio ma la maggioranza trova i numeri: «Andiamo avanti»

La riunione del consiglio comunale
Scontro in consiglio comunale di Brindisi, tra opposizione e maggioranza che, nonostante le fibrillazioni dei giorni scorsi, trova i numeri per l'approvazione del bilancio di previsione 2017. Dopo l'unificazione delle delibere in un'unica discussione, si è passato alla presentazione ed al voto sugli ementamenti. Solo quello "maxi", da circa 4 milioni di euro, è stato approvato mentre tutti quelli dell'opposizione sono stati respinti.

La minoranza ha contestato con forza il "maxiemendamento" che, secondo molti consiglieri, rappresenta solo un modo per «riuscire ad ottenere i voti in consiglio comunale». Voti che, alla fine, sono stati 17 contro soli sei favorevoli. Al momento della conta, infatti, molti consiglieri di opposizione avevano già abbandonato l'aula.

Molto contestata, soprattutto da parte del capogruppo di Forza Italia Mauro D'Attis, la presenza eccessiva di capitali privati all'interno del bilancio comunale. «Si parla - fa notare - di 70 milioni di euro: il 35 per cento dell'intero bilancio». Secondo D'Attis, questo sarebbe un solo un escamotage e molti dei progetti inseriti nel Piano triennale delle opere pubbliche con il supporto di fondi privati, in realtà, non saranno mai realizzati.

«Quando una maggioranza è coesa - commenta il capogruppo dei Democratici e Socialisti Luciano Loiacono - non ci sono numeri che tengano». Poi si rivolge ad Angela Carluccio: «Sindaca, vada avanti - la sprona - perché ha tutta la nostra fiducia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 21 Aprile 2017 - Ultimo aggiornamento: 23:21