Francavilla: denuncia tra preti
sacerdote condannato per calunnia
BRINDISI - Un sacerdote di Francavilla Fontana è stato condannato dalla Corte d'Appello di Lecce a scontare una pena di un anno e quattro mesi di reclusione per aver calunniato un altro sacerdote.

La sentenza di secondo grado conferma quella emessa nel giugno del 2012 dal giudice monocratico di Brindisi.

L'accusa per l'imputato, don Francesco Galiano, traeva origine da una denuncia–querela che egli stesso aveva presentato nei confronti un altro prete, don Rocco Leo sostenendo che questi avesse reso una falsa testimonianza nella causa per mobbing avviata da una catechista dinanzi al giudice del lavoro.

In quella circostanza egli aveva dichiarato di essere stato costretto a intervenire a tutela della donna, dipendente della fondazione “Opera beato Bartolo Longo” diretta da Galiano, che subiva ingerenze nella sua vita privata da parte del prete che riteneva che lei avesse una relazione extraconiugale. Anche il vescovo è stato ascoltato come testimone nei giudizi.

Secondo il pronunciamento di secondo grado, sarebbe stato Galiano a nascondere il vero: per questo, se vi sarà conferma in terzo grado, dovrà anche versare un risarcimento dei danni alla della parte civile, assistita dall'avvocato Domenico Attanasi, il cui ammontare sarà determinato in sede civile e provvedere alla rifusione delle spese legali
Martedì 08 Ottobre 2013 alle 18:24