Un altro dramma a Ostuni
Si impicca un commerciante
Ieri il suicidio dell'agricoltore
OSTUNI - Un altro dramma a Ostuni: dopo il suicidio di ieri di un agricoltore, questa mattina un commerciante di 58 anni si é impiccato a un albero di ulivo
Stamani il ritrovamento del corpo: si tratta del proprietario di un bar di Ostuni. Secondo i primi accertamenti della polizia, il suicidio sarebbe attribuibile alla crisi economica. A quanto accertato dagli investigatori, l'uomo aveva problemi famigliari ma di recente aveva avuto anche qualche difficoltà economica. Il commerciante ha maturato la decisione di uccidersi in un suo podere, in campagna, in contrada Salinola. Con il nulla osta del pm di turno la salma è stata riconsegnata ai famigliari per la sepoltura.

L'uomo avrebbe ricevuto una cartella Inps
da 15.000 euro per contributi da versare. È quanto avrebbero spiegato i famigliari dell'uomo agli investigatori che hanno effettuato accertamenti, stamani, dopo il ritrovamento del corpo. A quanto emerso il 58enne aveva problemi economici oltre che familiari. Gestiva un bar nel centro della Città Bianca e si è suicidato in un podere di campagna di sua proprietà. Il pm di turno, Raffaele Casto, ha disposto la restituzione della salma per la sepoltura.

Ieri, un imprenditore agricolo di 54 anni si era tolto la vita impiccandosi al cancello della propria tenuta, una masseria che si trova in contrada Molillo, lungo la provinciale che collega Ostuni a Francavilla Fontana
probabilmente - secondo quanto riferito agli investigatori dai famigliari - a causa di gravi problemi economici. Secondo quanto accertato dalla polizia l'uomo aveva problemi economici, difficoltà tali che gli impedivano di continuare a condurre la propria attività professionale. L'imprenditore, sposato con figli, non ha lasciato scritti da cui si potesse appurare, chiaramente, le ragioni del suo gesto sulle quali vi sono state indagini condotte dagli investigatori. Il sostituto procuratore di turno, Raffaele Casto, ha già disposto la restituzione della salma ai famigliari.
Lunedì 07 Ottobre 2013 alle 15:38