Nel Salento il sogno di Icaro rivive
nelle evoluzioni delle Frecce tricolori
Squarceranno il cielo d’estate come fossero uccelli. Obbligatorio, quindi, farsi trovare tutti a testa in su per ammirare lo “stormo” di idrovolanti ultraleggeri – quindici in tutto – protagonisti del “Festival dell’Aria” di Gallipoli.
Sarà proprio la Città Bella, infatti, ad ospitare il raduno nazionale degli appassionati di questi speciali velivoli inventati ai primi del ’900 da Enrico Forlanini e che occuperanno pista e spiaggia dell’AvioResort Le Sirene.

Il raduno è stato organizzato dall’Idroclub Capo Leuca e dall’Aviazione Marittima Italiana, in collaborazione con l’associazione Salento Faro dei Due Mari e la Caroli Hotels. E prevede per oggi l’arrivo degli idrovolanti, nelle versioni a scarponi galleggianti o a scafo centrale, e l’atterraggio a Le Sirene. Ad accogliere gli equipaggi da ogni parte d’Italia il presidente dell’Idroclub Capo Leuca Orazio Frigino, inventore e padre del Festival più originale dell’estate. Ricchissimo il calendario di appuntamenti della manifestazione, che apre una finestra sul mondo degli idrovolanti anche ai non esperti e ai curiosi. I velivoli, infatti, tanto sabato che domenica, saranno a disposizione di chi vorrà guardare il Salento da una prospettiva diversa, dall’alto, per osservare la merlatura di Leuca in tutto il suo abbagliante splendore.

Proprio le scogliere del Finibus Terrae faranno da scenografia ad un servizio fotografico destinato al calendario “Gemme d’Italia 2013”, che verrà realizzato in contemporanea alla presentazione, sempre sabato all’Hotel Terminal, della presentazione del libro “Vita da cacciabombardiere” del generale Bruno Servadei. Dalla bellezza del cielo terso e del mare di Leuca a quella terrena delle creazioni sartoriali dell’ultima collezione di alta moda firmata da Gianni Calignano. Seguirà la presentazione della nuova linea moda dell’Aviazione Marittima Italiana.

Una giornata all’insegna del volo non può che chiudersi con gli occhi rivolti al cielo. A farlo, però, stavolta saranno i piloti degli idrovolanti riuniti in Salento. Potranno anche loro osservare la volta celeste da un’angolazione diversa partecipando all'evento “Notti di Galileo” e perdendosi nell’infinito cielo stellato grazie ai telescopi del Gruppo Astrofili Salentini e all’Osservatorio astronomico situato ai piedi della Cascata Monumentale di Leuca. Domenica, l'Idroclub offrirà una seconda chance a chi vorrà provare il brivido di una sfida alla forza di gravità e partecipare ad un volo in idrovolante proprio sull'area della Cascata, imperdibile scorcio di un Salento fuori dai percorsi turistici abituali.

Nel pomeriggio, tutti a Marina di Salve per la manifestazione aerea “Salento Tricolore Air Show”. Ammaraggi e passaggi in formazione dei velivoli dell’Aviazione Marittima Italiana saranno, per il pubblico, soltanto un assaggio dello spettacolo che le ormai famose pattuglie acrobatiche delle Frecce Tricolori offriranno di lì a poco. In vetrina, per questo insolito Festival dedicato all’ineffabile brivido che accompagna l’uomo dai mitologici Dedalo e Icaro ai giorni nostri, anche la perfezione dei motori made in Germany di cinquanta Maggiolini d’epoca - in prima fila la mitica Amphicar 770 e il Maggiolino anfibio del conte Florio direttamente da Palermo - che si ritroveranno a Gallipoli, cornice d’eccezione di un insolito week end.
Venerdì 06 Luglio 2012 alle 16:39