Con Google a "caccia" di vacanze
Tra i più gettonati il mare del Salento
+ PER APPROFONDIRE: vacanze , mare , google , salento , puglia
ROMA - Il mare italiano tra i più "ricercati" dagli utenti di Internet che programmano la vacanza navigando da un sito all'altro. E il Salento è tra le zone più gettonate. Lo rivelano i dati dell'Osservatorio integrato dei viaggi e del turismo, messi a punto da
Amadeus Italia (specializzato nella distribuzione e nella fornitura di tecnologie avanzate per l'industria globale dei viaggi e del turismo) e da Google Italia, che ha analizzato le preferenze e i comportamenti degli italiani nell'imminente stagione estiva.

Le mete del Belpaese continuano a essere le più ricercate sul web dai turisti italiani; in forte crescita anche il turismo creativo e gay, ambiti che guidano le tendenze 2011. Secondo lo studio le mete italiane continuano quindi ad essere le più ricercate online, come dimostrano i dati di Google che evidenziano l'interesse del 63% dei consumatori di rimanere in Italia per le proprie vacanze e di scegliere il mare e i laghi come meta preferita (il 64%).

In particolare tra le destinazioni più cercate e in crescita rispetto al 2010, ci sono Sardegna, Toscana e Puglia (Salento). Dopo l'Italia, le mete a corto raggio più cercate sul motore risultano essere i paesi europei con il 28% delle preferenze, tra cui spiccano la Spagna (Baleari e Costa Brava) e le isole greche (Creta, Rodi, Dodecaneso) le quali, oltre a un generale trend positivo, stanno entrambe avvantaggiandosi della difficile situazione politica di Egitto e Tunisia. Così analogamente in crescita è la Turchia, meta di compensazione della crisi del Mar Rosso. Bene anche le capitali europee che dominano come tipologia di mete, a evidenziare una spiccata tendenza per le vacanze culturali.

Tra le prime 100 destinazioni più cercate su Google, il 9% è rivolto a mete a lungo raggio, con preferenza per località come Caraibi (+357% rispetto al 2010), Brasile, Hong Kong (+408%) e Stati Uniti (ad esempio, New York che registra un incremento del 361% rispetto allo scorso anno). Da ultimo, nell'Ue nell'ultimo anno sono stati stimati 70 milioni di viaggiatori appartenenti al turismo gay e lesbico, mentre in Italia il giro d'affari equivale oggi al 7% circa di quello complessivo. Per quanto riguarda il mercato italiano il 55% dei viaggiatori sceglie di trascorre le vacanze nella nostra Penisola (in particolare la Toscana, dove sono state avviate numerose iniziative, oltre a Bologna e Roma che caratterizzano il podio nazionale), contro il 25% che si spinge oltre i confini dell'Europa, consumando soggiorni di almeno 7 notti e spendendo in media il 38% in più di un turista eterosessuale.
Venerdì 22 Luglio 2011 alle 18:43
Ultimo aggiornamento: 18:43